ATTIC AND BARN

STORIA E FILOSOFIA

Il brand Attic and Barn nasce a Treviso nel 2010 da un’idea di Michela e Alessandro Biasotto dopo aver consultato l’archivio vintage presente nella suggestiva Filanda Motta a Campocroce, frazione del comune trevigiano di Mogliano Veneto. Lo straordinario archivio che ha ispirato la coppia conservava in quegli anni oltre 60mila capi databili tra la fine dell’Ottocento e la prima meta? del secolo scorso. Il fascino irresistibile e senza tempo di quegli abiti spinge la coppia a creare una nuova linea di abbigliamento, Attic and Barn, in cui pattern e silhouette vintage vengono reinterpretati in chiave moderna e con gusto immediatamente riconoscibile. Attic and Barn, che inizia il suo cammino come marchio di soli abiti in seta stampata, negli anni successivi amplia la sua offerta arrivando a proporre in breve tempo un total look completo di calzature, borse e accessori. Attic and Barn si e? evoluto di stagione in stagione grazie all’utilizzo di tecniche di lavorazione raffinate e alla costante ricerca di stili e nuove tendenze, portando la distribuzione di oggi a raggiungere l’Europa e diverse vetrine internazionali. Le intuizioni commerciali, unite al gusto personale e all’esperienza aziendale, si concretizzano oggi in un brand che incontra le esigenze di un mercato in continua evoluzione. Oltre agli Show-room di Milano e Parigi, il marchio si avvale della stretta collaborazione di una rete internazionale di agenti e distributori in continua espansione, capaci di valorizzare al massimo le qualita? del brand.

PRESS RELEASE

ATTIC AND BARN SPRING - SUMMER 2021 Un invito al viaggio in un mondo in continua evoluzione, dove il cambiamento è lento ma perenne, avvolgente e libero. Gli strali di questa girandola geografica sono tradotti da Attic and Barn in una collezione estiva emozionale ed intensa, capace di trasmettere l’idea di una vacanza senza fine, una fuga nel tempo e nello spazio dalla quale lasciarsi incantare. La meta, esotica e seducente, indugia tra Marrakech e Ibiza, Dheli e Jaipur, e si lascia trascinare dalla loro atmosfera edonistica, ricca di ispirazioni che si fondono nei modelli estivi del brand. Il risultato è un guardaroba luxury dal tocco cosmopolita in cui i capi conservano la visione caleidoscopica dalla quale prendono vita e la rileggono con una contemporaneità preziosa. È così che antiche tradizioni artigianali si fondono a influenze urbane, in un concentrato di contrasti che dona vibrazioni inaspettate. I codici stilistici Attic and Barn - la pulizia delle linee, i cromatismi precisi, l’attenzione per i pattern, la leggerezza degli abiti – sono mescolati a stampe heritage indiane, realizzate con tecnica a tampone, e a rimandi allo stile bohemienne degli anni ‘70. Una femminilità in continuo movimento che sceglie lunghi abiti a vestaglia alternati a dress a balze; sahariane da usare come top e due pezzi che spezzano il rigore a colpi di fantasie inedite; bluse leggere e iperchic accanto a giacche over. È la magia ottenuta con i colori, estremamente saturi e capaci di esasperare un’atmosfera rilassata e onirica. Sono tinte caramellate, sono nuance smorzate che incontrano altre più vivaci; sono brillanti colpi di fucsia che si mixano a toni pastello su stampe paisley, elaborate in chiave cool. Tra abiti fluttuanti e due pezzi morbidi, le forme scelgono un’eleganza dégagé, dai volumi invitanti e semplici, in un invito a esplorare libertà anche negli abbinamenti per trascendere le regole dello stile classico e scriverne sempre di nuove.