#WHITEINSIEMESIAMOPIÙFORTI
Focus on: MARCO MELIS EYEWEAR


Il suo nome è sinonimo di occhiale fatto, costruito, concepito e realizzato in Italia. La combinazione perfetta tra l’heritage e il saper fare artigianale con una visione proiettata al futuro. "Fare un occhiale è come fare un abito; è questo che voglio dare al mio cliente – racconta Marco Melis - Tutto può essere studiato e scelto nei dettagli per rispecchiare i gusti e le esigenze di chi lo calza. L’occhiale custom made può essere personalizzato nella forma e persino all’interno dell’asta dove possono essere apposte una firma o una dedica". Melis disegna occhiali dal 1996, partendo dall’incontro con maestri artigiani per seguire tutte le fasi di progettazione dell’occhiale.

Da questa passione è nata MARCO MELIS EYEWEAR, realtà che disegna e produce occhiali a tiratura limitata e per settori speciali quali cantieri navali, case automobilistiche e motociclistiche. Abbiamo incontrato Marco Melis per farci raccontare il suo percorso. 



Quali sono i valori e la filosofia dell’azienda?

La MARCOMELIS Eyewear parte dal concetto della progettazione e si esprime attraverso i propri laboratori dove crea, in qualità di prototipi, modelli che vengono destinati anche ad altri brand. Avvalendosi dell’uso dei pantografi degli anni 60 e delle mani esperte dei maestri artigiani cadorini, crea le proprie collezioni esprimendo la propria artigianalità e il Made in Italy.

Quali le parole chiave per definirla?
Indiscutibilmente il taglio sartoriale contraddistinto dalle esigenze dei clienti o dei brand ci porta a essere versatili nella realizzazione delle collezioni ad hoc, da qui scelta di lenti, plastiche e del taglio che deve avere in prospettiva l’occhiale.

Il dettaglio sull’asta dell’occhiale…
Sulle aste dei miei occhiali è incisa una frase che rappresenta tutto l’orgoglio della mia origine: "Fatti da un Italiano". Realizzo tutto in Italia a differenza di quanto fanno tanti altri che delocalizzano in Paesi a noi distanti per cultura, etica e storia produttiva, pur fregiandosi del titolo generico “Made in Italy”. Fatti da un italiano è assunzione di responsabilità, è conoscenza tramandata ma è anche ricerca e sviluppo.
 Fatti da un italiano è soprattutto l’opera di un uomo che “fa” con le sue mani un oggetto ideato, progettato e realizzato completamente in Italia, perché la qualità non può derivare dall’appellativo “Made in Italy”, ma dal trasferimento sul prodotto dei nostri valori artigiani, come emanazione stessa della storia e della creatività della nostra terra.



Come è nato questo progetto fotografico?
Il servizio fotografico è nato dal momento in cui abbiamo avuto come prima esigenza fare arrivare agli occhi dei nostri clienti la realtà che viviamo ogni giorno, ancor prima che ricevessero i nostri occhiali. Un progetto fotografico realizzato da Carlo Mogiani e Matteo Curti.

Come prevedi cambierà il settore dopo il Coronavirus? 
Dopo il Covid-19 come per tanti prodotti ci sarà una grossissima richiesta, questo sarà dettato dal fatto che molti appuntamenti fieristici sono saltati. La cosa più auspicabile, ma di questo ne siamo verosimilmente ottimisti, sarà la ricerca del vero prodotto italiano, non solo da parte dell’Italia ma anche dal resto del mondo.